LE TERNE DEI FINALISTI

Sezione Narrativa

Bobert Bryndza
La donna di ghiaccio
Newton Compton Editori

Robert Bryndza. Dopo anni dedicati alla scrittura, si è conquistato una fama incredibile con il suo thriller d’esordio, La donna di ghiaccio, che in pochi mesi ha venduto oltre 1 milione di copie ed è in corso di traduzione in 27 Paesi. È inglese e vive in Slovacchia con suo marito Jàn. Potete seguirlo su Facebook e sul sito robertbryndza.com.

 

Luigi Guardinieri
Forsennatamente Mr Foscolo
La nave di Teseo

Luigi Guarnieri (1962) vive a Roma. È autore di sette romanzi, tradotti in numerosi paesi: L’atlante criminale. Vita scriteriata di Cesare Lombroso (2000, premio Bagutta Opera Prima), Tenebre sul Congo (2001), La doppia vita di Vermeer (2004, premio Selezione Campiello), La sposa ebrea (2006, premio Pisa), I sentieri del cielo (2008, premio Grinzane Cavour), Una strana storia d’amore (2010), Il sosia di Hitler (2014).

 

Antonio Manzini
Pulvis et umbra
Sellerio Editore Palermo

Antonio Manzini, scrittore e sceneggiatore. Tra i suoi primi romanzi Sangue marcio e La giostra dei criceti (del 2007), ripubblicato da questa casa editrice nel 2017. La serie con Rocco Schiavone è iniziata con il romanzo Pista nera (Sellerio, 2013) cui sono seguiti La costola di Adamo (2014)), Non è stagione (2015), Era di maggio (2015), Cinque indagini romane per Rocco Schiavone (2016) e 7-7-2007 (2016). Nel 2015 ha pubblicato Sull’orlo del precipizio in altra collana di questa casa editrice.

 


MENZIONE DI MERITO

 

 

 

 

 

 

 

 

Roberto Capperucci
Storie di fantasia di un giovane... novantenne
Edizioni Tassinari

Roberto Capperucci è nato a San Vincenzo di Livorno il 16 febbraio del 1927 e risiede attualmente a Calcinaia in provincia di Pisa. Dopo aver frequentato il liceo classico si è laureato nel 1952 in medicinaveterinaria
presso l’università di Pisa.
Ha svolto principalmente l’attività di libera professione sui grandi e piccoli animali, inoltre ha ricoperto la carica di veterinario comunale in tre comuni della provincia di Pisa: Vicopisano, Calcinaia e Cascina, quest’ultima in qualità di Direttore del Mattatoio comunale.
Dopo la pensione, continuando inizialmente ad esercitare la libera professione, ha iniziato a scrivere racconti, aneddoti e poesie che per lui rappresentano un modo di trascorrere più serenamente la “vecchiaia” e di sentirsi sempre vivo partecipando con gli altri ai dolori ed alle gioie che la vita ci riserva, pronto con le sue “battute” a colpire, quando lo ritiene necessario, personaggi che per lui vanno contro corrente.
Gli è stato assegnato il “Premio Fellini” XIX e XXIII edizione, rispettivamente con “Il capo stazione” e “Il volontario”, dall’associazione nazionale carabinieri di Pontedera e “Il premio letterario” della FEDERSPEV, federazione sanitari: medici, veterinari e farmacisti per l’anno 2016 con il suo libro “Storie di vita”.
Ha pubblicato: Poesie ed aneddoti, Cinquant’anni dopo, Il capostazione, Viaggio premio in Polinesia, Racconti (una famiglia di ferrovieri in Maremma nell’ottocento), Il bracconiere - Matrimonio per procura, Una vita racambolesca, Il volontario, Aneddoti di un vecchio veterinario, Racconti, Un veterinario del secolo scorso, Una donna speciale, Il mio viaggio in Polinesia, Storie di vita, Il frenatore.

 

Daniela Iodice
Il greco duale
Edizioni Progetto Cultura

Daniela Iodice è nata a Roma dove risiede. Laureata in Lettere a pieni voti presso l’università La Sapienza, ha concluso la sua carriera di docente presso il Liceo Classico “Anco Marzio” del Lido di Ostia dove aveva compiuto gli studi liceali. Socia fondatrice delle Associazioni culturali “Il leggio del mare” e “Il leggio del bosco”, tiene conferenze su argomenti di natura letteraria, cura recensioni di libri e promuove rappresentazioni teatrali e concerti. Con le sue poesie è risultata finalista in importanti concorsi letterari. Con Edizioni Progetto Cultura ha
pubblicato, nel 2017, la raccolta poetica La parola cercando premiata con Menzione d’onore al XII Premio Letterario Internazionale “VOCI - Città di Abano Terme” organizzato dall’IPLAC - Insieme per la cultura

   
kongoli

Roberto Riccardi
La notte della rabbia
Einaudi

Roberto Riccardi (Bari, 1966) è colonnello dei carabinieri. Ha esordito nel noir con Legame di sangue (Giallo Mondadori, 2009), cui hanno fatto seguito I condannati (Mondadori, 2012), Undercover (e/o, 2012), Venga pure la fine (e/o, 2013) e La firma del puparo (e/o 2015). È anche autore di libri sulla Shoah: Sono stato un numero (Giuntina, 2009; premio Acqui Storia), La foto sulla spiaggia (Giuntina, 2012) e, insieme a Giulia Spizzichino, La farfalla impazzita (Giuntina, 2013).



Sezione Saggistica
 

 

 

 

 

Luciano Canfora
Cleofonte deve morire
Laterza, Cultura storica


Luciano Canfora è professore emerito dell’Università di Bari. Dirige i “Quaderni di storia” e collabora con il “Corriere della Sera”. Tra le sue pubblicazioni per i nostri tipi, più volte ristampate e molte delle quali tradotte nelle principali lingue: Tucidide e l’impero; Storia della letteratura greca; Libro e libertà; Giulio Cesare. Il dittatore democratico; Prima lezione di storia greca; La democrazia. Storia di un’ideologia; L’occhio di Zeus.
Disavventure della “Democrazia”; La prima marcia su Roma; La natura del potere; L’uso politico dei paradigmi storici; Il mondo di Atene; “È l’Europa che ce lo chiede!”. Falso!”; Intervista sul potere (a cura di A. Carioti); La crisi dell’utopia. Aristofane contro Platone; La maschera democratica dell’oligarchia. Un dialogo (con G. Zagrebelsky, a cura di G.Preterossi); Augusto figlio di Dio; Tucidide. La menzogna, la colpa, l’esilio.

 

 

Pino Corrias
Nostra incantevole Italia
Da Portella della Ginestra alla villa di Grillo,
da Sanremo a Lampedusa,
passando per Arcore e Dagospia:
I luoghi che hanno cambiato la nostra storia

Chiarelettere


Pino Corrias, scrittore, giornalista, sceneggiatore, vive e lavora a Roma. Tra i suoi libri più recenti: il romanzo Dormiremo da vecchi (Chiaralettere 2015, tradotto in Francia, Stati Uniti, Spagna e molti altri paesi) e i racconti Disordini sentimentali (Mondadori 2016).
Si è sempre occupato di politica, costume, spettacolo, da quando sono diventati una cosa sola. Ha scritto Vita agra di un anarchico. Luciano Bianciardi a Milano (Feltrinelli 2011); Colpo grosso (con Massimo Gramellini e Curzio Maltese, Baldini & Castoldi 1995); l’atto unico teatrale Il contabile e le murene (Feltrinelli 2012); il reportage Vicini da morire (Mondadori 2007). Per Raifiction ha prodotto, tra gli altri film, La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana.

 

Paolo Mieli
Il caos italiano
Alle radici del nostro dissesto

Rizzoli


Paolo Mieli, giornalista e storico, negli anni Settanta allievo di Renzo De Felice e Rosario Romeo,è stato all’”Espresso”, poi alla “Repubblica” e alla “Stampa”, che ha diretto dal 1990 al 1992. Dal 1992 al 1997 e dal 2004 al 2009 è stato direttore del “Corriere della Sera”. Dal 2009 al 2016 è stato presidente di RCS Libri. Tra i suoi saggi per Rizzoli, Le storie, la storia (1999), Storia e politica (2001), La goccia cinese (2002), I conti con la storia (2013), L’arma della memoria (2015) e In guerra con il passato (2016).


MENZIONE DI MERITO

 

Massimo Izzi
L'AS Roma dalla A alla Z
Newton Compton Editori

Massimo Izzi ha alle spalle 15 volumi dedicati alla storia giallorossa,
tra cui l’unica biografia di Italo Foschi. Nel 2012 è stato designato per far parte della Commissione della Hall of Fame giallorossa. Con la Newton Compton ha pubblicato vari titoli, tra cui AS Roma. La grande storia (con Fabrizio Grassetti e Gabriele Pescatore) e Le 100 partite che hanno fatto la storia della AS Roma (con Tonino Cagnucci)

 

 

Vittorio Possenti
Diritti umani
l'età delle pretese

Rubbettino

Vittorio Possenti, già ordinario di filosofia politica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, è membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali e della Pontificia Accademia di san Tommaso d’Aquino, e per molti anni del Comitato Nazionale per la Bioetica.
Tra i suoi ultimi lavori: Nichilismo giuridico (Rubbettino 2012); Il Nuovo Principio Persona (Armando 2013); La rivoluzione biopolitica (Lindau 2013); Nihilism and Metaphysics. The Third Voyage (Suny Press 2014); Pace e guerra tra le nazioni (Studium 2014); Volti dell’amore (Marietti 2015); Il realismo e la fine della filosofia moderna (Armando 2016).

 

 

 

Gian Franco Svidercoschi
Un Papa che divide?
Le inevitabili contraddizioni di un
pontificato rivoluzionario

Rubbettino

Gian Franco Svidercoschi, giornalista e scrittore, ha raccontato i grandi eventi della Chiesa cattolica, dal Concilio Vaticano II all’avvicendamento di sette Pontefici. È stato vice direttore dell’Osservatore Romano, e ha collaborato con Giovanni Paolo II nella stesura di Dono e Mistero. Ha scritto una ventina di libri, tra i quali Lettera a un amico ebreo, tradotto in venti lingue, e, con il cardinale Stanislao Dziwisz, Una vita con Karol e Ho vissuto con un santo. È stato anche sceneggiatore di due film su papa Wojtyla.

 

Home