ALBO D'ORO anno 2018
Diciannovesima edizione

 

 

 

 

 

 

 

 

PREMIO ROMA PER IL 70° ANNIVERSARIO
DELLA NASCITA DELLA COSTITUZIONE
DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Giuliano amato

Giuliano Amato, nato a Torino nel 1938, ha studiato giurisprudenza all’Università di Pisa, dove si è laureato nel 1960. Ha poi conseguito un Master in Diritto Comparato alla Scuola di Legge della Columbia University a New York nel 1962. È stato professore di Diritto costituzionale comparato alla Facoltà di Scienze Politiche dell’ Università di Roma "La Sapienza" dal 1975 al 1997.
É Professore emerito all’Istituto Universitario Europeo di Firenze e alla Università La Sapienza di Roma. Deputato prima e Senatore dopo per un totale di 18 anni, è stato anche Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministro del Tesoro, Ministro delle Riforme Costituzionali, Ministro dell’Interno, vice Presidente del Consiglio dei Ministri e per due volte, nel 1992/93 e nel 2000/2001, Presidente del Consiglio dei Ministri. Ha anche guidato l’Autorità Antitrust dal 1994 al 1997, è stato Vice Presidente della Convenzione per il Futuro dell’Europa (2002/2003), Presidente della Commissione Internazionale sui Balcani, Presidente dell’Istituto della Enciclopedia Italiana (2009/2013), della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e del Centro di Studi Americani di Roma.
Attualmente è Giudice della Corte Costituzionale, nominato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il 12 settembre 2013.
Nel 2002 è stato eletto membro onorario della Accademia delle Arti e delle Scienze degli Stati Uniti. É autore di numerosi saggi e pubblicazioni di carattere economico, politico, giuridico, istituzionale.

 

 

 

PREMIO ROMA PER LA PROMOZIONE
DELLE MERAVIGLIE ITALIANE NEL MONDO

Alberto Angela

Alberto Angela è paleontologo, naturalista, divulgatore scientifico e scrittore. Specializzatosi presso le Università statunitensi di Harvard, Columbia University e UCLA ha svolto per oltre 10 anni attività di scavo e di ricerca partecipando a numerose spedizioni internazionali di paleoantropologia; attualmente è membro dell’Istituto Italiano di Paleontologia Umana e del Centro Studi e Ricerche Ligabue di Venezia. Tra i massimi esperti in materia di divulgazione scientifica e storica Alberto Angela è autore e conduttore di diversi programmi di successo in onda sulle emittenti RAI quali Ulisse, il piacere della scoperta, Stanotte a ..., Meraviglie: la penisola dei tesori, Passaggio a Nordovest, Superquark e Quark speciale. Giornalista pubblicista, ha collaborato con prestigiosi quotidiani e periodici ed è autore di numerosi volumi di successo tradotti anche all’estero dedicati alla storia, all’arte e alla scienza.

 

 

 

 

 

 

 

PREMIO ROMA URBS UNIVERSALIS

Vincenzo Barone

Vincenzo Barone è un chimico di fama internazionale, specializzato nella “chimica computazionale”, la disciplina che utilizza la meccanica classica e quantistica per sviluppare modelli fisico-matematici in grado di descrivere sistemi e processi a livello molecolare.
Ha fornito contributi fondamentali alla “Teoria del Funzionale Densità”, alla “Teoria della solvatazione” e alla “Spettroscopia computazionale”.
La sua ricerca ha prodotto circa 750 pubblicazioni su riviste internazionali e diversi capitoli di libri, con un totale di oltre 50.000 citazioni e un h-index di 82. E’ stato Presidente della Società Chimica Italiana, è fellow della Royal Society of Chemistry e dell’European Academy of Sciences, nonché socio corrispondente dell’Accademia dei Lincei. È stato insignito di numerosi riconoscimenti e premi internazionali. Dal settembre 2016 è Direttore della Scuola Normale Superiore. Ha fondato il Laboratorio SMART, che utilizza il calcolo scientifico ad alte prestazioni, la scienza dei dati e la realtà virtuale immersiva, per la visualizzazione e la fruizione di grandi masse di dati eterogenei e la simulazione di sistemi e processi fisici, chimici, biologici, astrofisici e legati ai beni culturali. Il dialogo tra molteplici ambiti disciplinari, tra soggetti scientifici e istituzionali in apparenza lontani, sta guidando l’azione del Professor Barone alla guida della Scuola Normale, per la nascita di nuove realtà culturali. Valgano per tutte la federazione che comprende la Scuola Normale Superiore, la Scuola Superiore Sant’Anna e lo IUSS di Pavia, e l’Istituto di Studi Avanzati dedicato a Carlo Azeglio Ciampi, che a Firenze intende richiamare studiosi da tutto il mondo per affrontare linee di ricerca innovative e trasversali tra i saperi tradizionali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREMIO ROMA-BRUXELLES

Frank Carruet

Frank Carruet, l’attuale Ambasciatore del Belgio in Italia, diplomatico di carriera nella diplomazia belga per più di trent’anni, ha un profilo atipico, perché è l'unico psicologo tra i diplomatici belgi!
Ha iniziato la sua carriera nel 1989 alla Rappresentanza Permanente Belga delle Nazioni Unite, dove seguiva da vicino le trattative del Gatt-Uruguay- Round; è stato anche membro del team del Consiglio di Sicurezza belga, che ha seguito i “claims” presentati contro l'Iraq nel contesto della Guerra del Golfo.
Successivamente, nel 1993, fu trasferito con la famiglia a Stoccolma, dove seguì da vicino le trattative di adesione della Svezia all'UE e accompagnò anche una visita di Stato e una missione economica Principesca. Dopo una breve parentesi come Vice Direttore del personale estero, è stato nominato nel 2000 Console Generale del Belgio a Toronto, dove si è concentrato sulla diplomazia economica e la cooperazione accademica tra il Canada e il Belgio.
Nel 2003 è diventato Ambasciatore del Belgio in Camerun (Yaoundé), una postazione molto istruttiva, con molte sfide a livello personale e professionale e dove si è confrontato con le caratteristiche tipiche di un paese in via di sviluppo (la povertà, la governance, la coerenza delle politiche per lo sviluppo, ...).
Successivamente, è stato inviato come Ambasciatore del Belgio in Australia, Nuova Zelanda e Isole del Pacifico dal 2005 al 2009, dove ha molto apprezzato il “Aussie way of living”; dal 2013 al 2017 è stato Ambasciatore in Marocco, paese con un'incredibile ricchezza di storia e cultura e con una natura indimenticabile.
Tuttavia, la sfida più difficile rimane il suo periodo di quattro anni come Direttore delle Risorse Umane del personale estero del Ministero degli affari esteri belga, dove ha gestito 2.500 dipendenti.
Per terminare la sua carriera, è stato nominato Ambasciatore nella bella Italia, membro dell'UE e importante partner commerciale; segue inoltre le attività della FAO, del WFP e dell'IFAD come Rappresentante Permanente presso le Nazioni Unite, per cui il Belgio è un importante paese donatore. E' stato sempre accompagnato dalla moglie e dalle due figlie, che a volte hanno passato momenti difficili in termini di adattamento al rapido cambiamento delle condizioni di vita, ma che hanno comunque apprezzato ogni paese.
Entrambe le figlie lavorano ora all'estero, nel contesto degli aiuti umanitari, della problematica delle migrazioni e dei diritti umani.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREMIO ROMA PER LA PROMOZIONE
DELL'IMPRENDITORIA ITALIANA NEL MONDO

Diego Della Valle

Diego della Valle è nato a Casette d’Ete di Sant’Elpidio a Mare (FM) il 30 dicembre 1953.
Dopo gli studi in giurisprudenza a Bologna e un periodo di lavoro negli Stati Uniti, entra nell’azienda di famiglia nel 1975, affiancando l’attività del padre nella gestione della stessa, dove ha modo di approfondire la sua conoscenza delle tecniche produttive di alta
qualità. Ha avuto un ruolo di preminenza nella determinazione delle strategie aziendali e nella creazione dei marchi che contraddistinguono i prodotti della società, dando inizio allo sviluppo di un innovativo piano di marketing, che diventerà un esempio, da molti seguito, nell’industria dell’alta qualità.
Dal mese di ottobre 2000, ha assunto il ruolo di Presidente e Amministratore Delegato del nuovo gruppo Tod’s SpA, quotato alla Borsa di Milano, che rappresenta oggi uno dei grandi protagonisti mondiali nel settore degli accessori di lusso, con i marchi Tod’s, Hogan, Fay e Roger Vivier.
Nel 1996 è stato nominato Cavaliere del Lavoro (la più alta onorificenza della Repubblica Italiana per l’impegno professionale) e nel 2000 ha ricevuto la laurea h.c. in economia e commercio dall’Università di Ancona.
È stato ed è componente dei Consigli di Amministrazione di diverse società, come Ferrari, RCS e Assicurazioni Generali; ricopre la stessa carica anche in LVMH, leader mondiale del settore del lusso. È inoltre azionista, attraverso le società finanziarie di famiglia insieme al fratello Andrea, oltre che di Tod’s, anche di RCS, Piaggio, Cinecittà, Fondo Charme, NTV (Nuovo Trasporto Viaggiatori), Fondazione Umberto Veronesi e della squadra di calcio ACF Fiorentina.
È membro del Comitato di sostegno della Fondazione Umberto Veronesi e Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Della Valle Onlus.
Con il Gruppo Tod’s Diego Della Valle ha finanziato un importante progetto di restauro del Colosseo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREMIO ROMA PER LA LOTTA ALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA

Nicola Gratteri

Procuratore capo della Repubblica di Catanzaro dal 16 maggio 2016, è uno dei magistrati più esposti nella lotta contro la ‘ndangheta. È entrato in magistratura nel 1986 con prima assegnazione al Tribunale di Locri, dove è stato prima giudice istruttore sia in materia civile che penale e poi sostituto procuratore. Nel 2009 è passato alla Direzione distrettuale Antimafia di Reggio Calabria dove ha svolto funzioni di sostituto procuratore e dal 2013 di procuratore aggiunto, occupandosi delle indagini più importanti sul narcotraffico, sul radicamento della ‘ndrangheta in Italia e nel mondo e sulla strage di Duisburg, in Germania. Da una delle sue indagini “Patriarca”, condotta dai carabinieri della compagnia di Melito Porto Salvo (Rc), è nata l’operazione Crimine che, per la prima volta ha dimostrato l’unitarietà della ‘ndrangheta, riconosciuta in via definitiva dalla Cassazione nel 2016. A Catanzaro ha coordinato indagini importanti sulla ‘ndrangheta, soprattutto sul fronte dello sfruttamento sistematico delle risorse destinate ai centri di accoglienza per richiedenti asilo, ma anche sulla corruzione nella pubblica amministrazione.
Nel 2013, è stato chiamato dal presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta a far parte di una Commissione incaricata di elaborare proposte per la lotta, anche patrimoniale, alla criminalità organizzata. L’anno successivo il presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, gli ha affidato l’incarico di presiedere una commissione con il compito di proporre riforme normative nella lotta contro le mafie. È stato consulente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla mafia per due legislature ed è stato nominato dal ministro degli Esteri Angelino Alfano a rappresentare l’Italia come esperto in materia di narcotraffico in seno all’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (Osce). È stato componente del Comitato Scientifico del Master MaCrAssets “Procedure e Tecniche delle Gestioni Giudiziarie e dei Beni Confiscati alla criminalità organizzata per la formazione di amministratori giudiziari, organizzato dall’Università per stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria. Dal 2009 è anche docente presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, dove tiene un corso sull’economia della criminalità. Con Antonio Nicaso, ha scritto tredici libri, tra cui Fratelli di Sangue, Acqua Santissima (da cui sarà tratta una serie televisiva), Oro Bianco, Padrini e Padroni e Fiumi d’Oro. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti in Italia e nel mondo, tra cui il “Civil Courage Prize” della Train Foundation di New York. Vive a Gerace, dove è nato nel 1958. È sposato ed è padre di due figli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREMIO ROMA PER LA RICERCA IN CAMPO ONCOLOGICO
“IRMA FEROCI MILESI”

Federica Mazzuca

La dottoressa Federica Mazzuca, conseguite con lode la laurea in Medicina e la specializzazione in Oncologia, ha vinto alcuni assegni di ricerca ed è stata chiamata dalla Facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza a ricoprire il ruolo di Ricercatore Universitario nel settore scientifico disciplinare dell’Oncologia Medica presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant’Andrea di Roma.
La Dott.ssa Mazzuca ha svolto e svolge attività didattica in campo oncologico in diverse scuole di specializzazione, in Master di II livello, in corsi di laurea brevi (CL Infermieri) e nel corso magistrale della Laurea in Medicina e Chirurgia.
La Dott.ssa Mazzuca è autore di numerose pubblicazioni su riviste internazionali ed ha partecipato a convegni nazionali ed internazionali, con presentazioni orali o come relatore invitato.
Nel 2017 l’associazione culturale Assud le ha consegnato il premio “Stella del Sud” per la ricerca scientifica. La sua ricerca scientifica si è costantemente concentrata sull’identificazione di modalità innovative nel trattamento delle neoplasie solide e sul riconoscimento di bisogni non corrisposti dei Pazienti: dal significato della spiritualità a quello della depressione nel complesso percorso di malati oncologici, dall’identificazione di nuove forme di trattamento locoregionale di alcune neoplasie con l’elettro-chemio-porazione al riconoscimento di nuovi meccanismi di resistenza a terapie (pur recentissime) come l’immunoterapia.
Menzione particolare merita il suo impegno in aree ancora poco esplorate dell’oncologia, come lo studio del microbiota, o della medicina di genere, volta ad identificare differenze di tossicità e di efficacia in molti trattamenti, anche recenti ed innovativi.
Questo costante impegno nella ricerca si completa in una attitudine nella relazione con il Paziente, con i quali instaura un rapporto empatico in grado di motivare i Malati nel loro difficile percorso terapeutico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PREMIO ROMA PER IL 50° ANNIVERSARIO
DELLA FONDAZIONE DELLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

Andrea Riccardi

Ha insegnato, come professore ordinario, Storia Contemporanea all’Università di Bari, alla Sapienza e alla Terza Università degli Studi di Roma.
Collabora con numerosi periodici e quotidiani fra cui il Corriere della Sera.
Studioso della Chiesa in età moderna e contemporanea, ma anche del fenomeno religioso nel suo complesso. Tra le sue pubblicazioni: Il secolo del martirio. I cristiani nel Novecento (Mondadori, Milano 2000-2009), Convivere (Laterza, Roma-Bari 2006), Il “Partito romano” (Morcelliana, Brescia 2007), L’inverno più lungo. 1943-44: Pio XII, gli ebrei e i nazisti a Roma, (Laterza Roma-Bari 2008), Giovanni Paolo II. La biografia, (San
Paolo, Cinisello Balsamo 2011), La sorpresa di papa Francesco, (Mondadori, Milano 2013), La strage dei cristiani – Mardin, gli armeni e la fine di un mondo (Laterza, Roma-Bari 2015), Periferie. Crisi e novità per la Chiesa (Jaca Book, Milano 2016); La forza disarmata della pace (Jaca Book, Milano 2017). Nel 2018 è stato pubblicato per i tipi della San Paolo un librointervista ad Andrea Riccardi, dal titolo Tutto può cambiare. Riccardi è noto anche per essere stato il Fondatore, nel 1968, della Comunità di Sant'Egidio.
Sant'Egidio oltre che per l’impegno sociale e i numerosi progetti di sviluppo nel Sud del mondo, è conosciuta per il suo lavoro a favore della pace e del dialogo. In particolare, Riccardi ha avuto un ruolo di mediazione in diversi conflitti e ha contribuito al raggiungimento della pace in alcuni Paesi, tra cui il Mozambico, il Guatemala, la Costa d’Avorio, la Guinea. La rivista “Time” nel 2003 lo ha inserito nell’elenco dei trentasei “eroi moderni” d’Europa, che si sono distinti per il proprio coraggio professionale e impegno umanitario. Il 21 maggio 2009 è stato insignito del Premio Carlo Magno, che viene attribuito a persone e istituzioni che si sono particolarmente distinte nella promozione di una Europa unita e nella diffusione di una cultura di pace e di dialogo. Si legge nella motivazione: “Per onorare un esempio straordinario di impegno civile in favore di un'Europa più umana e solidale all'interno e all'esterno delle sue frontiere”.
Dal 16 novembre 2011 al 27 aprile 2013, Riccardi è stato chiamato a ricoprire l’incarico di Ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione.
Il 22 marzo 2015 è stato eletto Presidente della Società Dante Alighieri.

 

Home