ALBO D'ORO anno 2007
Ottava edizione

I premi assegnati ai vincitori
Albo_Oro_2007

 

 

Premio Internazionale alla Cultura

Walter Veltroni

Politico, giornalista e scrittore, autore di opere di narrativa e saggistica.

Il suo saluto al Premio:
“È per me un onore ricevere questo riconoscimento inserito nell’ambito del “Premio Roma”, una manifestazione culturale ormai consolidata a livello internazionale che giunge quest’anno alla sua VIII edizione.
Ritengo questo appuntamento di grande prestigio in crescente ascesa, un prestigio attenuto grazie alla professionalità e all’impegno degli organizzatori e del Presidente Aldo Milesi.
Interpreto questo premio anche come riconoscimento al lavoro che abbiamo svolto per Roma, un lavoro mirato a puntare sulla cultura come strumento per migliorare la qualità della vita e allo stesso tempo importante volano per lo sviluppo economico della comunità romana.
Non credo possa esistere progresso senza una conoscenza che comprenda una maggiore consapevolezza della realtà che ci circonda, che porti allo scambio di idee, dei diversi punti di vista di quei valori che sono il fondamento della nostra vita comune. Per questop la cultura è un cemento fondamentale, e dunque ogni azione, ogni impegno teso a promuovere la letteratura, la musica, l’arte e la scienza, come questo Premio, è un passo positivo.
Roma oggi è una grande capitale della cultura, un luogo che partendo dalla sua storia eterna, guarda al futuro attraverso il presente.
Nel rinnovare le mie soddisfazioni, rivolgo il mio augurio per un successo sempre maggiore di questo prestigioso Premio.”

                                                                  Walter Veltroni


Sezione Narrativa Straniera

Karen Essex
I cigni di Leonardo
Bompiani

Karen Essex, giornalista e sceneggiatrice nata a New Orleans, dopo gli studi alla Tulane University, alla Vanderbilt University e al Goddard College ha pubblicato due bibliografie romanzate di grande successo, Kleopatra e Pharaoh, tradotte in venti lingue. Attualmente vive a Los Angeles.

 

Sezione Narrativa Italiana

Giorgio Faletti
Fuori da un evidente destino
Baldini Castaldi Dalai

Giorgio Faletti è nato ad Asti nel 1950. Ha esordito nel 2002 con il romanzo Io uccido che ha venduto solo in Italia più di tre milioni di copie ed è stato tradotto in tutte le lingue del mondo. Il successo è stato confermato due anni dopo da Niente di vero tranne gli occhi che ha segnato la sua definitiva consacrazione a livello mondiale fra i grandi autori contemporanei di thriller, Fuori da un  evidente destino è il suo terzo romanzo.

 

Sezione Saggistica Italiana

Leonardo Maugeri
L'era del petrolio
Feltrinelli

Leonardo Maugeri è direttore Strategie e Sviluppo dell’Eni. Tra i più noti esperti internazionali di petrolio e gas, è autore di due libri (L’arma del petrolio, Loggia dé Lanzi 1994; Petrolio, Sperling & Kupfer 2001).
Editorialista del Il Sole 24 Ore sui temi dell’energia, collabora con Newsweek. I suoi articoli sono stati pubblicati dalle più prestigiose testate internazionali, da Foreign Affairs, a Science, al Wall Street Journal. E’ membro dell’Energy Advisory Board di Accenture, dell’International Councillors Board del Center for Strategic & International Studies di Washington e Senior Fellow del World Economic Laboratory del Mit.

 

Sezione Saggistica Straniera

Stanislao Dziwisz
Una vita con Karol
Rizzoli

Stanislao Dziwisz è nato il 27 aprile 1939 a Raba Wyzna, in Polonia. Ordinato sacerdote da Karol Wojtyla nel 1963, è divenuto suo segretario personale ed è rimasto al suo fianco anche dopo l’elezione pontificia, fino alla morte del Papa nel 2005. Il 3 giugno 2005 è stato nominato arcivescovo di Cracovia da Benedetto XVI, che lo ha poi creato cardinale, il 24 marzo 2006.
Gian Franco Svidercoschi, nato ad Ascoli Piceno ma di origini polacche, è giornalista dal 1959 e segue da quasi cinquant’anni i fatti del mondo vaticano e religioso. E’ stato vicedirettore dell’Osservatorio Romano e ha collaborato con Giovanni Paolo II alla realizzazione di Dono e Mistero (LEV 1996).

 

Premio Speciale per lo Spettacolo

Virna Lisi

Attrice di cinema, di teatro e di televisione. Debutta giovanissima e in brevissimo tempo prende parte a una dozzina di film. È brava e si fa apprezzare da registi come Francesco Maselli nel cinema, da Giorgio Strehler in teatro e da Federico Zardi in televisione. In teatro lavora anche con Michelangelo Antonioni e Luigi Squarzina. La sua immagine cinematografica cresce rapidamente e partecipa a produzioni internazionali come Tulipano nero di Christian Jacque con Alain Delon. Scoperta anche da Hollywood che l’ingaggia e le fa girare Come uccidere vostra moglie con Jack Lemmon. Ma l’attività artistica più ragguardevole la svolge in Italia, dove è contesa dai più importanti registi: Dino Risi, Eduardo De Filippo, Anton Giulio Majano, Mario Monicelli, Pasquale Festa Campanile, Mauro Bolognini, Pietro Germi (Signore e signori), Liliana Cavani, Mauro Bolognini, Luigi Comencini, Nanni Loy, Alberto Lattuada (La cicala), Cristina Comencini (Va’ dove ti porta il cuore). Negli anni più recenti conquista un nuovo grande successo grazie ad alcune interpretazioni offerte in numerosi sceneggiati televisivi (tra i più recenti, Caterina e le sue figlie). La sua filmografia è particolarmente ricca e richiama l’attenzione della critica che le attribuisce più volte prestigiosi riconoscimenti.

   

Premio Speciale per il Giornalismo

Bruno Vespa

Una carriera giornalistica che è incominciata, quando era giovanissimo, nella sua città natale (L’Aquila) con la collaborazione a giornali locali quando aveva sedici anni e alla Rai a diciotto anni. Dopo la laurea in giurisprudenza, nel 1968 si classifica al primo posto in un concorso per telecronisti ed è  assegnato al Telegiornale. In Rai ha percorso tutti i gradini della carriera da praticante a direttore del Tg1. È stato inviato e conduttore di importanti trasmissioni speciali in occasione di grandi eventi.  Dal 1996 la sua trasmissione “Porta a porta” (da lui ideata e condotta) è il programma di informazione politica, attualità e costume più seguito: vi è intervenuto anche un papa, Giovanni Paolo II,  (per la prima volta nella storia della televisione) con un telefonata in diretta. Prestigiosi e di grande successo editoriale i suoi reportage storico-giornalistici pubblicati da Mondadori e Rai Eri. Collabora anche al settimanale Panorama.